Conversazioni di metafisica by Gustavo Bontadini

By Gustavo Bontadini

Show description

Read Online or Download Conversazioni di metafisica PDF

Best italian books

Ali di babbo

Roma, Nottetempo, 2008, octavo brossura con copertina illustrata a colori, pp. 142.

Qualità dei Dati: Concetti, Metodi e Tecniche

Los angeles scarsa qualit� dei dati può ostacolare o danneggiare seriamente l’efficienza e l’efficacia di organizzazioni e imprese. l. a. crescente consapevolezza di tali ripercussioni ha condotto a importanti iniziative pubbliche come los angeles promulgazione del "Data caliber Act" negli Stati Uniti e della direttiva 2003/98 del Parlamento Europeo.

Extra info for Conversazioni di metafisica

Sample text

0] e` non singolare per Q, l’iperpiano polare di P i ha equazione a i,0 x 0 + . . + a i,n x n = 0. Se Q e` una quadrica non degenere (ossia non singolare), la matrice A e` invertibile e dunque l’applicazione pol : Pn (K) → Pn (K)∗ e` un isomorfismo proiettivo. In tal caso per ogni iperpiano H di Pn (K) esiste un unico punto, detto polo di H , avente H come iperpiano polare rispetto a Q. In particolare il polo dell’i-esimo iperpiano fondamentale H i = {x i = 0} e` il punto [A i,0 , . . , A i,n ] (dove A i,j = (−1)i+j det(c i,j (A)), cfr.

X n ] del tipo ms n1 nt n1 nt 1 h = cϕm 1 · . . · ϕs ψ1 · . . · ψt σ(ψ1 ) · . . · σ(ψt ) , dove c e` una costante reale, ϕ1 , . . , ϕs sono polinomi a coefficienti reali irriducibili in C[x 1 , . . , x n ] a due a due coprimi, e ψ1 , . . , ψt sono polinomi a coefficienti complessi, irriducibili, a due a due coprimi e non proporzionali ad alcun polinomio a coefficienti reali. Pertanto l’ipersuperficie reale I = [h]C di Cn pu`o avere componenti irriducibili reali (determinate dai fattori reali ϕ1 , .

R sono univocamente determinati da Q. Nel caso di quadriche di tipo (m1) i numeri λ2 , . . , λr non sono univocamente individuati: ad esempio la quadrica di equazione x 21 − 2x 22 = 0 e` metricamente equivalente alla quadrica di equazione x 21 − 12 x 22 = 0 (basta considerare l’isometria che scambia x 1 con x 2 e riscalare opportunamente l’equazione cos`ı ottenuta). Si arriva a una forma canonica metrica di tipo (m1), (m2) o (m3) se Q e` a centro, al tipo (m4) se invece la quadrica e` un paraboloide.

Download PDF sample

Rated 4.91 of 5 – based on 32 votes